Vai al contenuto

Vaccini: emendamento Lega-M5s elimina obbligo per iscrizione a scuola?


Marcello Pamio

«Vaccini, emendamento Lega-M5s elimina obbligo per iscrizione a scuola». Ecco come titolano i cartacei servitori del regime.
Molti, con la bocca spalancata, hanno abboccato iniziando a sperare con tanto di palline del rosario tra le dita.

Dal titolo letto così, sembra che qualche parlamentare nelle ultime ore abbia abusato di sostanze illecite, e forse è anche accaduto…ma non penso che la vicepresidente della Commissione Sanità del Senato, Maria Cristina Cantù (Lega), il presidente della Commissione Pierpaolo Sileri (M5S) e la senatrice della Lega Sonia Fregolent si siano improvvisamente ravveduti, dopo aver partecipato a scaraventare dei diritti sacrosanti, come quello all’istruzione e alla socialità, direttamente nel cesso.

Ma come detto, non si tratta di un rimorso di coscienza, bensì dell’ennesima scivolata, sempre dritto nel deretano degli italiani…
L’ultimo emendamento presentato non fa altro che puntualizzare quello che è già riportato nel decreto-vaselina-770. Nulla di nuovo all’orizzonte.
Nel momento in cui il DDL-770 va ad abrogare la Legge 119/2017, va da sé che qualsiasi tipo di esclusione introdotta dalla legge voluta da Beatrice Lorenzin decade, TRANNE che nei casi dei “Piani straordinari di intervento”.
Come mai lor signori invece di presentare un emendamento aggiuntivo, non hanno messo mano all’articolo 5 del Decreto, quello sugli «Interventi in caso di emergenze sanitarie o di compromissione dell’immunità di gruppo»? Dove al comma 1 viene riportato: «Qualora, nell’ambito dell’attività di monitoraggio delle coperture vaccinali svolta su base semestrale (…) si rilevino significativi scostamenti dagli obiettivi fissati dal PNPV tali da ingenerare il rischio di compromettere l’immunità di gruppo (…) sono adottati piani straordinari d’intervento».

In pratica, il “governo del cambiamento”, adotterà Piani Straordinari d’Intervento qualora le coperture vaccinali (che loro controlleranno) si scosteranno dagli obiettivi (che sempre loro avranno fissato). E cosa prevedono tali piani? Per esempio l’obbligo di vaccinazioni per gli esercenti le professioni sanitarie e la subordinazione della frequenza ad ogni grado d’istruzione (nelle scuole private non paritarie, dei servizi educativi per l’infanzia e dei centri di formazione professionale regionale). Potranno richiedere ai dirigenti scolastici delle istituzioni scolastiche del sistema nazionale di istruzione e delle scuole private non paritarie, nonché ai responsabili dei centri di formazione professionale regionali e dei servizi educativi per l’infanzia, di adottare OGNI misura idonea a tutelare la salute degli iscritti non vaccinabili.
Dulcis in fundo, in caso di emergenze sanitarie o epidemie, resta fermo il potere di attivare l’Unità di crisi e quindi interventi coatti.


Quindi la domanda sorge spontanea: l’emendamento 7bis, presentato ora, staccato dai 151 emendamenti già presentati, a che serve, a regalarci un tubetto di lubrificante? A far produrre titoloni dal sapore di pura propaganda? Guarda caso è stato presentato un solo emendamento volto ad eliminare questo concreto pericolo di allontanamento dalle scuole, il 5.34 per l’esattezza, dal senatore Giovanni Endrizzi (M5s); come mai uno solo e come mai nessuno ne ha parlato? Vedremo come andranno le votazioni di tutti questi emendamenti e cosa uscirà fuori dalle discussioni parlamentari...

Nel frattempo siamo di fronte alla classica campagna mediatica che serve solo a fare casino e a illudere gli encefalogrammi piatti...magari in vista delle prossime elezioni europee ormai alle porte.
Possiamo forse dimenticare che costoro hanno contribuito all’attuale caos che ha portato molti bambini ad essere buttati fuori dalle scuole materne, colpevoli di provocare inesistenti epidemie e pericoli per la salute pubblica?
NO, NON LO DIMENTICHEREMO MAI!
Anche perché sarebbero state sufficienti un paio di banali circolari per fermare questo scempio, del tutto evitabile e non previsto dalla Legge…
Penso sia arrivato il momento di svegliarci dal coma letargico in cui ci hanno fatto sprofondare.