Vai al contenuto

Al gay pride di Padova non servono mascherine e distanziamento…

Manifestazione di Padova

Marcello Pamio

Da che mondo è mondo il Sistema adotta due metri e due misure.
Se a riunirsi sono persone ridestate dal Matrix che manifestano per la Libertà e che hanno ben compreso il vergognoso giochetto di una metastatizzata e mercificata politica, le norme anti-covid devono essere applicate e rispettate al millimetro. Se invece a riunirsi in centinaia sono gli amichetti e le amichette dei governanti, allora tali norme non si devono applicare.

Dopo la manifestazione di circa 500 persone come ha correttamente scritto l’inviato di padovaoggi (d'altronde basta osservare la foto per capacitarsene) in Prato della Valle si sono mossi il questore, la Digos, il sindaco di Padova per non parlare delle macchiette dei candidati alle regionali e degli scribacchini presenti e lontani.
Tutti scandalizzati e arrabbiati perché i “negazionisti” sono scesi in piazza senza museruola e senza rispettare il distanziamento.

Il più bilioso è stato il sindaco Sergio Giordani, ovviamente di matrice piddina, che ha definito quello che è accaduto domenica 6 settembre “un'offesa alle migliaia di cittadini padovani che hanno sofferto gravemente e stanno soffrendo a causa del coronavirus”.
Dopo questo rigurgito ha anche specificato che “rappresenta un’offesa per tutti i medici, gli scienziati, gli operatori sanitari e i volontari che hanno combattuto e continuano a combattere a loro rischio questa tremenda pandemia”.

Nessuno di lor signori però si è scandalizzato dando fiato alla bocca (con la maschera ovviamente) per il gay pride di Padova, dove stando alle immagini molte centinaia di persone ballavano vicinissime senza mascherina.

Come mai non ha nulla da commentare il sensibile Giordani o il grande e soprattutto libero giornalista Ivan Compasso, che domenica sarebbe stato maltrattato dal violentissimo servizio di sicurezza del Movimento 3 V?

Forse perché il Pride Village alla fiera di Padova (che andrà avanti - giustamente - fino al 12 settembre) ha ricevuto l'aiuto dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Padova (giunta PD)? O forse perché il capo organizzatore dell'evento padovano (il più grande d'Europa) è Alessandro Zan, il primo relatore della legge contro l'omotransfobia? Boh, comunque sia, vedremo se qualche autorità controllerà il rispetto del distanziamento e dell'uso della mascherina. Come pure vedremo se Ivan Compasso o gli altri inviati de La7 andranno a farsi spintonare anche là…