Vai al contenuto

Emma Bonino: dagli aborti al vaccino…


Marcello Pamio

Assioma di partenza: Emma Bonino sta alla libertà, come Roberto Burioni sta all’intelligenza.
L’assioma è un principio che non ha bisogno di essere dimostrato, perché la proposizione è così evidente che chiunque dovrebbe vederla.
Eppure nel gregge disorientato quando si pensa alla Bonino - e al partito radicale da cui ha avuto origine la sua storia politica – si pensa a importanti concetti di libertà e diritti.

Oggi la Bonino non fa più parte dei radicali perché è stata espulsa da Pannella in persona. Forse la sua estrema sinistrosità la rende più idonea ai cosiddetti «radical chic», finanziati dall’amico ebreo George Soros, in pratica da quei ricchi che fanno finta di essere sensibili ai problemi dei più sfortunati, quando invece nascondono ben altri motivi…


Nel 1998 Emma, da Commissario Europeo, venne invitata alla riunione annuale del Club Bilderberg tenutosi in Scozia. Su 20 commissari perché venne scelta proprio lei?
Forse perché è anche membro dell’International Crisis Group, una «organizzazione indipendente che lavora per prevenire guerre e definire politiche che costruiranno un mondo più pacifico», cioè i classici «esportatori di democrazia» a suon di bombe a frammentazione e al fosforo. 
Forse perché è co-presidente anche dell’European Council on Foreign Relations, gruppo che esegue ricerche “indipendenti”, massicciamente finanziato dalla fondazione di Soros.
Forse perché è membro del comitato direttivo dell’Istituto Affari Internazionali, associazione culturale che mira a promuovere la conoscenza dei problemi internazionali nei campi della politica estera, dell’economia e della sicurezza, finanziato da istituzioni pubbliche nazionali (anche dal Ministero degli Esteri) e internazionali, e da fondazioni internazionali tra le quali figura sempre la Open Society Foundations di Soros.[1]

Semplici domande che però celano il motivo per cui questa donna, nonostante i clamorosi fallimenti dei partiti ai quali si è appoggiata, rimane sempre a galla, sempre alla ribalta.
Tornando al concetto di libertà vediamo la posizione sui vaccini riportata nel manifesto del suo ultimo partito (uno dei tanti asfaltati dal popolo alle ultime elezioni) «+Europa».
Già il nome dovrebbe inquietare e scuotere gli animi, perché in un momento storico in cui per la sopravvivenza dei popoli europei servirebbe allentare la morsa (finanziaria, politica ed economica) e soprattutto le ingerenze dei tecnocrati (non votati da nessuno) di Bruxelles, c’è chi chiede addirittura ancora più presenza del Moloch.
Nel sito ufficiale del partitino, come nelle migliori famiglie del Sistema, si parte col classico mantra negazionista: «non sono i vaccini a causare l’autismo», esattamente «come non è l’immigrazione a causare l’insicurezza». Il discorso e il parallelismo non fanno una piega. Partendo da un’ipotesi volutamente errata, è ovvio che si può sostenere qualsiasi tesi.

Ma poi per fortuna entrano nello scientifico dicendo che «si tratta di percezioni distorte, che è possibile correggere razionalmente».[2]
Finalmente potranno mettersi il cuore in pace i sempre più numerosi genitori di bambini autistici: il problema dei loro figli non dipende dal farmaco, ma da qualcos’altro.
Poco importa se i bambini erano sanissimi prima dei vaccini, e dopo le iniezioni hanno perduto qualcosa per sempre. E’ solo una percezione distorta, ce lo conferma la Bonino, per cui dobbiamo crederci.

L’apoteosi delle libertà la troviamo nel manifesto del partito.
«La libertà di scegliere di vaccinare i “propri” figli è una posizione da avversare senza alcuna riserva», e la spiegazione è ancor più inquietante: «in primo luogo perché i figli non sono “dei genitori” e non appartengono loro come un arto o un organo interno (su cui può valere il principio della libertà di cura)».
In questo caso non possiamo discutere con un mostro sacro come la Bonino, perché lei di organi e feti abortiti se ne intende eccome. Negli anni Settanta da dirigente del CISA, «Centro Informazione sulla Sterilizzazione e l’Aborto», si è vantata più volte di aver praticato il «Metodo Karman» cioè l’aspirazione del feto. All’epoca però si eseguiva con un dispositivo elettrico che costava parecchio, ma questo non ha demoralizzato Emma, la quale armata di pompa da bicicletta, un dilatatore di plastica e un vasetto in vetro ha fatto abortire migliaia di donne. Si è autoaccusata di aver eseguito personalmente 10.141 aborti.[3]
Aborti clandestini però in totale «sicurezza e igiene sanitaria»: quando si dice “impara l’arte e mettila da parte”...

Quindi secondo la visione distorta e pericolosissima della Bonino i figli non appartengono ai genitori, come invece lo sono una mammella o un testicolo. Se non sono dei genitori che li hanno concepiti, fatti crescere dentro l’utero materno e amati ancor prima della venuta al mondo, di chi sono? Elementare Watson, dello Stato ovviamente, l’entità che può quindi decidere di fare quello che vuole dei loro piccoli sudditi: gettarli nella spazzatura, metterli smembrati dentro nel vasetto di marmellata, come faceva la Bonino, oppure punturarli a dovere. Il tutto nel nome della libertà, mi raccomando!
Proseguiamo con la linea del suo partito: «il diritto a non vaccinare equivale al diritto a non fare studiare o a non fare giocare i bambini: una scelta che li priva di qualcosa di estremamente utile senza rendere loro assolutamente nulla».
In questo caso forse la Bonino denota di essere stata per troppo tempo vicina al fumo passivo (e non di sigaretta) di Pannella perché le privazioni dei bambini che lei enuncia sono già avvenute per opera dei suoi colleghi parlamentari.
La Lorenzin ha fatto convertire un decreto in legge che di fatto impedisce ai bambini non vaccinati di età compresa tra 0 e 6 anni l’accesso a scuola, quindi impedisce sia lo studio che i giochi.
Questi non sono diritti? O il diritto è solo quello di inoculare vaccini contenenti centinaia di sostanze chimiche diverse, tra cui devastanti metalli neurotossici?
Per la libertaria Bonino assolutamente sì!
Nulla di nuovo all’orizzonte, d’altronde non ci si poteva aspettare altrimenti da chi trasuda e propaganda la «Cultura della Morte» a dispetto della «Cultura della Vita».

Memorabile infine il volantino sempre di +Europa, nel quale è riportato che: «posticipare l’obbligo vaccinale mette a rischio la vita di migliaia di bambini».
Sul serio? Certo che detto da una che ha sulla coscienza decine di migliaia di feti abortiti, quindi di bambini morti, lascia un po’ il tempo che trova…
«Servirebbe un vaccino contro l’ignoranza», conclude perentorio sempre il volantino.
E qui hanno perfettamente ragione, servirebbe però a tutti questi ipocriti un ben trivalente, contro: «Ignoranza, Arroganza e Disumanità».

Note

[1] «Emma Bonino e George Soros: una lunga luna di miele sulla pelle dei popoli», Francesca Totolo, 12 gennaio 2018, https://www.ilprimatonazionale.it/politica/emma-bonino-e-george-soros-una-lunga-luna-di-miele-sulla-pelle-dei-popoli-78213/#_ftn1

[2] Idem

[3] https://www.ilprimatonazionale.it/politica/emma-bonino-e-george-soros-una-lunga-luna-di-miele-sulla-pelle-dei-popoli-78213/#_ftn1