La via dell'oppio
Dal libro "Banche armate alla guerra", Anno 2003

La storia del traffico di droga nell'Asia centrale intimamente collegata alle operazioni coperte della CIA. Prima della guerra in Afghanistan, la produzione di oppio in Afghanistan e Pakistan era diretta a piccoli mercati regionali. Non vi era produzione locale di eroina. A questo proposito, lo studio di Alfred McCoy conferma che entro due anni dal furioso attacco dell'operazione della CIA in Afghanistan, "la zona di confine Pakistan-Afghanistan divenne il principale produttore di eroina al mondo, fornendo il 60% della domanda USA. In Pakistan, la popolazione tossicodipendente pass da quasi zero nel 1979...a 1.200.000 persone nel 1985 - una crescita molto pi rapida che in qualunque altro paese... Ancora una volta, la CIA controllava questo traffico di eroina. Mentre conquistavano territori all'interno dell'Afghanistan, i guerriglieri mujaheddin ordinavano ai contadini di piantare oppio come tassa rivoluzionaria. Al di l del confine, in Pakistan, i leader afghani e i gruppi locali sotto la protezione dell'Intelligence pakistana gestivano centinaia di laboratori di eroina. Durante questo decennio di narcotraffico alla luce del giorno, l'americana DEA (Drug Enforcement Agency) a Islamabad evit di pretendere grosse confische o arresti...I funzionari USA avevano rifiutato di indagare su accuse di traffico di eroina da parte dei sui alleati afghani "perch la politica sui narcotici USA in Afghanistan subordinata alla guerra contro l'influenza sovietica nell'area". Nel 1995 l'ex direttore dell'operazione afghana della CIA, Charles Cogan, ha ammesso che la CIA aveva effettivamente sacrificato la guerra alla droga per combattere la Guerra Fredda. "La nostra missione principale era arrecare il maggior danno possibile ai sovietici. Non avevamo le risorse o il tempo per dedicarci a un'indagine sul narcotraffico...Non penso che dobbiamo scusarci per questo. Ogni situazione ha la sua ricaduta...Si, c' stata una ricaduta in termini di droga. Ma l'obiettivo principale stato realizzato. I sovietici hanno lasciato l'Afhganistan".
Finita la Guerra Fredda, la regione dell'Asia centrale strategica non solo per le sue grandi riserve petrolifere. Essa produce anche tre quarti dell'oppio mondiale, che rappresentano introiti di molti miliardi di dollari per i cartelli d'affari, le istituzioni finanziarie, le agenzie di spionaggio e il crimine organizzato. Il ricavato annuale del traffico del Golden Crescent (tra 100 e 200 miliardi di dollari) costituisce circa un terzo del mercato annuale mondiale dei narcotici, che le Nazioni Unite stimano dell'ordine di 500 miliardi di dollari.
Con la disintegrazione dell'Unione Sovietica, nella produzione dell'oppio si verificata una nuova ondata. Potenti cartelli d'affari nell'ex Unione Sovietica alleati con il crimine organizzato sono in competizione per il controllo strategico sulle rotte dell'eroina. L'estesa rete di intelligence militare dell'ISI non stata smantellata dopo la Guerra Fredda. La CIA ha continuato a sostenere la jihad islamica fuori del Pakistan.
Nuove iniziative segrete sono state avviate in Asia centrale, nel Caucaso e nei Balcani. 


www.disinformazione.it